Benevento: truffatori di anziani arrestati dalla Polizia

0

Era iniziata con diversi tentativi di raggirare anziane signore, la giornata di tre truffatori napoletani, ma è finita con le manette della Polizia.


Nella mattinata di ieri il terzetto di cui faceva parte anche un minore, ha iniziato ad effettuare delle telefonate sulle utenze fisse di alcune signore anziane di Benevento, avvalendosi anche di altri complici, al momento ignoti.

Le varie segnalazioni pervenute sul 113, che riguardavano le chiamate ricevute, hanno così messo in allarme gli uomini della Squadra Mobile beneventana, che hanno immediatamente organizzato un servizio in città.

Intorno a mezzogiorno, l’ennesima chiamata è stata ricevuta da un’anziana, che ha avvertito subito il nipote, avendo percepito il raggiro. In pratica l’interlocutore, qualificandosi proprio come nipote, le aveva detto di dover pagare per lui un computer, che sarebbe stato consegnato di lì a poco da un postino, per la somma di 1000 euro.
L’anziana donna, d’intesa con gli investigatori, si è fatta così trovare all’appuntamento, fingendo di aver aderito alla richiesta.

I truffatori non si sono fatti attendere e poco dopo sono arrivati sotto la sua abitazione, nella zona del rione Ferrovia, a bordo di una Fiat Panda.

Uno di loro, probabilmente vedendo a distanza una vettura di altra Forza di Polizia in transito, è dapprima sceso con il pacco da consegnare all’anziana, per poi rientrare nel veicolo.

Gli agenti, in stretto contatto con il nipote della vittima, hanno così inseguito l’auto e bloccato i tre soggetti, recuperando e sequestrando l’involucro che in realtà conteneva solo un bagnoschiuma.

All’interno del veicolo è stato trovato un altro kit per mettere a segno un’altra “Truffa del computer”.
Per due dei tre malviventi, sono scattate così le manette per tentata truffa aggravata dalla condizione di minorata difesa dell’anziana.

In serata, un analogo episodio, messo in atto da due giovani beneventani, è stato sventato dal personale della Squadra Volante, che è intervenuto su segnalazione del nipote di un anziano, proprio mentre i soggetti si trovavano nei pressi dell’abitazione della vittima individuata.