Montesarchio, Assteas torna a casa

0
assteas

Beni culturali: il vaso di Assteas, simbolo dell’Europa al Museo Archeologico nazionale caudino di Montesarchio

Torna a casa il vaso di Assteas raffigurante il ‘ratto d’Europa’, uno dei crateri più celebri dell’antichità, risalente al V secolo a.C. Da domani, il prezioso reperto restituito dal Paul Getty Museum all’Italia otto anni fa, sarà definitivamente collocato nella restaurata Torre Borbonica di Montesarchio, facente parte  del Museo Archeologico nazionale caudino.

“Storie del cratere di Assteas” è il titolo della mostra-evento che si collega alla esposizione in corso al Museo caudino “Rosso Immaginario”. Il Racconto dei vasi di Caudium,  con le sue complesse scene mitolcratere di Assteasogiche, raffigurate sui crateri  rinvenuti nella necropoli sannitica  sono narrate con videoproiezioni, olografie, minimapping. L’iniziativa è  stata realizzata grazie alla collaborazione tra la Soprintendenza Archeologia della Campania, il Polo Museale regionale e il Comune di Montesarchio.

Il vaso di Assteas fu rinvenuto da scavatori clandestini negli anni Settanta nella necropoli sannitica di Sant’Agata de’ Goti (BN). Dopo essere stato ceduto dai tombaroli per un milione di lire e un maialino, transitò sul mercato antiquario e nel 1981 fu acquistato dal Paul Getty Museum di Malibu per 380.000 dollari. Nel 2007 , il cratere fu restituito all’Italia grazie a complesse indagini investigative svolte dal Comando Carabinieri Tutela Patrimonio Culturale; da allora è stato esposto al Museo Archeologico Nazionale di Paestum e ospitato in prestigiose sedi, dal Quirinale al Palazzo dell’Unesco di Parigi e nei mesi scorsi a Sant’Agata dei Goti.

”Siamo orgogliosi dell’offerta del nostro territorio, un grande polo culturale – afferma il sindaco Franco Damiano – e di aver contribuito alla riapertura della Torre del Castello di Montesarchio, chiusa da molti anni, che domina la Valle Caudina e ne rappresenta il monumento-simbolo e che ospiterà quello che è stato definito il vaso più bello del mondo.”