Acqua potabile assente a Pontelandolfo: il M5S prende provvedimenti

0
città

Il Movimento 5 Stelle Sannita si fa promotore di un esposto che denuncia la mancanza di acqua potabile a Pontelandolfo

Da diversi anni, i cittadini di Pontelandolfo, nel periodo in cui le piogge si intensificano, sono costretti a vivere senza acqua potabile; il Movimento 5 Stelle Sannita ha deciso di prendere dei provvedimenti, facendosi carico di questo disservizio.

Qualche mese fa, si è infatti tenuto un incontro tra amici e simpatizzanti nella centralissima piazza Roma, insieme ai futuri candidati pentastellati alle prossime Regionali, Pasquale Maglione e Francesca Maio, per poter discutere di questa situazione.

Al Movimento risulta che l’Alto Calore, ovvero la società che gestisce il servizio di captazione, adduzione e distribuzione dell’acqua potabile non abbia ancora provveduto, nonostante l’Amministrazione abbia più volte sollecitato il suo intervento.

acqua potabileDopo il danno, anche la beffa: i cittadini, pur vivendo con questo disservizio, sono anche costretti a pagare i canoni dovuti, nonostante la legge gli consenta di poter essere risarciti con uno sconto del 50% sulla tariffa applicata.

Il Movimento 5 Stelle, raccolta la denuncia degli abitanti di Pontelandolfo, si è fatto promotore, il 25 febbraio, attraverso Maio e Maglione, di un esposto alla Procura della Repubblica di cui, però, ad oggi non si ha notizia e di cui a breve si chiederà conto.

Chiaramente l’impegno non si esaurisce e gli attivisti Sanniti stanno predisponendo una specifica interrogazione parlamentare da presentare al Ministro competente; in questo modo, sarà avviata una verifica attenta e dettagliata per definire le responsabilità che sono alla base di questa situazione che, oltre al comune di Pontelandolfo, interessa anche altri paesi della provincia di Benevento.