Auteri: “A Lecce la direzione arbitrale è stata vergognosa”

0
raggiunto
Auteri: "Il primato raggiunto non ci farà cambiare assolutamente il nostro atteggiamento"

“Domenica a Lecce abbiamo assistito a qualcosa di incredibile, gli arbitri purtroppo stanno più attenti alla forma che alla sostanza. Mercato? A inizio gennaio già ci potrebbe essere qualche novità”

La rabbia per il finale di Lecce in casa Benevento è ancora tanta e questo pomeriggio il tecnico del Benevento, Gaetano Auteri, ha spiegato i concitati momenti vissuti al Via del Mare. “Dopo l’episodio del gol annullato ho chiesto all’arbitro il motivo di tale decisione e lui mi ha semplicemente detto di non chiedergli nulla in quanto aveva visto tutto. Poi negli spogliatoi mi ha detto che si è dimenticato di alzare semplicemente il braccio. Aldilà di questo episodio la direzione è stata vergognosa. I giocatori del Lecce hanno commesso falli gravi e non sono stati sanzionati. Qua si sta più attenti alla forma che alla sostanza e si assiste purtroppo a cose incredibili. Si dimenticano di applicare il regolamento, si può sbagliare certo nessun è perfetto ma non si possono commettere tanti errori in una partita”.

Lecce
Auteri: “A Lecce la direzione arbitrale è stata vergognosa”

Prestazione della squadra. “La squadra avrebbe potuto fare meglio perché in alcuni momenti ci siamo intimoriti per il fatto che il Lecce l’ha provata a mettere sul lato fisico. Dovevamo essere più maturi e consapevoli. Questa maturità si raggiunge però quando in una squadra c’è un giusto assortimento. Continuiamo a lavorare e adesso insieme alla società valuteremo dove intervenire. Quando riprenderemo saremo in grado di fare molti più punti rispetto al girone d’andata”.

Mercato di Gennaio. “Deve arrivare gente pronta e non ragazzi che dobbiamo aspettare un altro mese prima di vederli all’opera. Abbiamo già individuato dove intervenire e nei primi giorni di gennaio già vorrei avere a disposizione qualche nuovo elemento. Sul fronte uscite dei giocatori hanno chiesto di andare via per poter giocare con maggiore continuità”.

Possibili partenti. “Porcaro è un ragazzo che io stimo tanto e sarebbe utile che andasse a giocare altrove per la sua crescita. Bonifazi ha avuto pochi spazi e deve cambiare l’atteggiamento verso il lavoro”.

Il tecnico ha quindi poi escluso le partenze di Troiani, Di Molfetta e Padella. “Sono giocatori con grandi qualità e che ci possono dare una grande mano, così come Ciciretti. Amato è un giocatore che ho voluto fortemente io e non deve mai dimenticarsi che le cose si ottengono attraverso i sacrifici. Padella ha giocato due partite eccezionali, domenica gli ho preferito Pezzi perché più adatto a coprire Surraco. Escluso categoricamente una sua partenza”.

Giudizio sul girone. “Il Foggia resta la squadra favorita perché gioca un buon calcio ma anche per altri motivi. Stanno continuando un progetto iniziato l’anno scorso. Noi continueremo a crescere e chiaro però che se avessimo vinto a Lecce la crescita sarebbe avvenuta in maniera ancora più rapida. Poi mi auguro che non ci siamo avvenimenti esterni per fermarci. Negli episodi non siamo stati fortunati, uscire con un pareggio sarebbe stato di per sé già un rammarico”. Assenze nell’allenamento di questo pomeriggio. “Marotta ha saltato l’allenamento perché la moglie sta per partorire. Mazzeo ho preferito tenerlo a riposo così come Del Pinto”.

Terminata la conferenza, il tecnico giallorosso si è intrattenuto con i giornalisti per uno scambio di auguri in vista del Natale.