Benevento, caldo infernale



0
diavolo di sabbia

Benevento, caldo record: un “diavolo di sabbia” nei campi di contrada Piano Cappelle

 

L’emergenza caldo è appena ricominciata e il picco massimo è atteso ancor prima dell’arrivo del weekend, quando si arriverà a percepire anche 41 gradi. L’allerta per tutte le strutture sanitarie presenti sul territorio di Benevento è scattata ma già si registra un aumento del 15% degli accessi al pronto soccorso del Rummo. «In risposta alle note trasmesse dal Ministero e dalla prefettura – dice il commissario straordinario dell’Asl Ventucci – abbiamo sollecitato tutti i nosdiavolo di sabbiatri servizi, dal personale medico del 118 ai presidi ospedalieri. Non ci sarà incremento di personale ma le nostre strutture, in particolare il Fatebenefratelli e l’ospedale di Sant’Agata dei Goti, hanno stanze a disposizione per sopperire all’emergenza caldo». 

Non solo afa e temperature che sfiorano i 40 gradi. L’inteso caldo di questi giorni regala al Sannio anche qualche spettacolo insolito, come lo strano fenomeno atmosferico verificatosi questa mattina in un campo di contrada Piano Cappelle, alla periferia cittadina. Si tratta di un ‘diavolo di sabbia’: un evento che si manifesta in zone particolarmente secche.

A differenza dei tornado, nonostante ne ricordi la forma, non è legato ad una perturbazione a carattere temporalesco. Dal punto di vista scientifico il ‘diavolo di sabbia’ si crea perché l’aria vicino al suolo, riscaldata eccessivamente dal sole, inizia a spostarsi verso l’alto portando con sé sabbia e piccoli detriti. La risalita dell’aria calda richiama altra aria alla base della depressione dando così origine a colonne di polvere. Un fenomeno spettacolare che avviene frequentemente anche nelle lande desertiche di Marte: moltissimi, infatti, sono i filmati e le foto scattate dalle sonde spaziali che immortalano i mulinelli marziani. Se le temperature bollenti di questi giorni stanno rendendo la vita infernale un po’ a tutti, ci pensa almeno il “diavolo di sabbia” a regalare un momento di distrazione…almeno per gli occhi.

Fonte: www.ntr24.tv/it

Leggi anche