Benevento, termina in parità il derby con la Juve Stabia



0
Benevento

Benevento – Juve Stabia 1-1. Al vantaggio di Contessa nella prima frazione, risponde Pezzi per il Benevento nella ripresa. Le vespe in virtù dei mancati successi di Casertana e Lecce festeggiano l’accesso ai play off

Benevento (4-5-1): Piscitelli; Celjak, Padella, Scognaiglio, Pezzi; Melara (43’st Porcaro), De Falco, Doninelli (22’st Allegretti), Agyei, Alfageme (25’st Campagnacci), Mazzeo. A disp.: Pane, Som, Lucioni, D’Agostino. All.:Daniele Cinelli

Juve Stabia (4-3-1-2): Pisseri; Cancellotti, Polak, Migliorini, Contessa; Maiorano, La Camera, Nicastro (41’st Liotti); Bombagi, Ripa (20’st Carrozza), Di Carmine. A disp.: Santurro, Romeo, Burrai, Aveni, Gomez. All.: Marco Savini

Arbitro: Francesco Guccini di Albano Laziale
Assistenti: Camillucci di Macerata

Marcatori: 26’pt Contessa (J.S), 31’st Pezzi (B)

Note: spettatori 3715 di cui 1770 abbonati. Ammoniti: Ripa (J.S), Melara (B), Contessa (J.S)
Espulsi: 25’st Maiorano (J.S) per condotta scorretta ai danni di Allegretti. Angoli: 6-2. Recupero: 0’pt, 4’st

DSC05174

Così come nel 2011 il derby tra Benevento e Juve Stabia all’ultima giornata e prima dei play off termina sull’1-1. Al vantaggio di Contessa per gli ospiti nella prima frazione, risponde Pezzi per i giallorossi nella ripresa. Mister Cinelli schiera il suo undici con il 4-5-1, modulo provato nel primo tempo della partitella contro la Berretti di mercoledì, in cui Mazzeo è il terminale offensivo.Juve Stabia

La prima azione degna di nota si registra al 4′ ed è di marca ospite. Contessa prova a sorprendere Piscitelli dalla distanza, tentativo che termina sulla traversa. Passano due minuti e giunge la risposta del Benevento, Agyei apre per Melara sulla destra, l’esterno attende l’inserimento di Doninelli, con la conclusione del centrale che termina di poco fuori. Al 16′ ospiti nuovamente pericolosi e questa volta  a provarci dalla distanza è Nicasto, il cui tiro termina alto. Al 20′ il Benevento sciupa la più ghiotta delle occasioni create nella prima parte di gara. Celjak supera Contessa e crossa in mezzo per la testa di Mazzeo che spedisce la sfera incredibilmente fuori. Al 26′ la Juve Stabia passa in vantaggio e a realizzare la rete dell’1-0 è Contessa su punizione. La sfera gli viene appoggiata da Bombagi, con il tiro del terzino che si indirizza nell’angolino alto alla destra di Piscitelli.  Il Benevento prova a reagire e al 30′ si fa vedere dalle parti di Pisseri. Melara si rende protagonista di un’altra discesa sulla destra e serve la sfera al centro dell’area, con Mazzeo che viene anticipato da Pisseri. Al 34′ gialloblu vicini al raddoppio e questa volta a provare a sorprendere sempre dalla distanza Piscitelli è La Camera, ma a salvare il pipelet giallorosso è la traversa.Benevento

Nella ripresa all’8′ gli ospiti si rendono nuovamente pericolosi, con il colpo di testa di Di Carmine su cross dalla sinistra di Contessa che termina alto. Al 13′ per il Benevento Doninelli lascia partire un cross a mezza altezza che viene respinto dalla retroguardia gialloblu, sul quale si avventa Padella, la cui conclusione di prima intenzione termina sul fondo. Il padroni di casa capiscono che è il momento di spingere e al 18′ Celjak chiama all’intervento Pisseri, con quest’ultimo che riesce a smanacciare la sua conclusione. Al 25′ gli ospiti restano in inferiorità numerica complice il rosso diretto a Maiorano, reo di aver colpito con una gomitata il neo entrato Allegretti. L’inferiorità numerica galvanizza ancor di più il Benevento, che al 31′ realizza l’1-1. De Falco crossa verso il centro dell’area, Cancellotti nel tentativo di allontanare la sfera, la serve a Melara, l’esterno l’indirizza nuovamente in area e Pezzi di tacco trafigge Pisseri. Per il terzino romagnolo si tratta del primo centro in maglia giallorossa, in una stagione in cui l’ex Pontedera è stato tra le maggiori note positive. Nella parte conclusiva del match non accade più nulla e alla Juve Stabia, in virtù dei contemporanei pareggi della Casertana e del Lecce è bastato un pareggio per festeggiare l’accesso ai play off.

Leggi anche