Gesesa illumina la storia del Sannio con due totem informativi



0

Gesesa Spa ha presentato il progetto totem informativi per illuminare l’Arco di Traiano e la Chiesa Santa Sofia

Oggi, martedì 6 dicembre alle ore 11, si è tenuta, presso l’aula consiliare di Palazzo Mosti, la presentazione del progetto “Gesesa illumina la storia del Sannio”.

All’evento sono intervenuti il sindaco di Benevento, Clemente Mastella, il presidente della Gesesa, Luigi Abbate, l’amministratore delegato della Gesesa, Piero Ferrari, il presidente di Acea Illuminazione, Paolo Fioroni, e il presidente del comitato Unicef di Benevento, Carmen Maffeo.

Il progetto “Gesesa illumina la storia del Sannio” ha l’obiettivo di regalare ai due monumenti simbolo di Benevento, l’Arco di Traiano e la Chiesa di Santa Sofia, due totem informativi.

I due totem di plexiglass, che misureranno rispettivamente 70x180cm, saranno personalizzati per descrivere e valorizzare i due monumenti prescelti e fortemente rappresentativi della storia e della gloria beneventana.

Per quanto riguarda l’istallazione all’Arco di Traiano, il totem si caratterizzerà per la grafica dell’imperatore romano Traiano e avrà la seguente citazione:

Devesi l’Arco ammirare siccome appunto da tutti si ammirano le grandi ossa dei giganti, devesi rivivere con lo stupore e quasi adorare col silenzio. Deve considerarsi che forse questa gran mole non fu mai in tanta venerazione come si è al presente, anzi, ella sarà sempre più venerabile e venerata nei secoli avvenire” (Giovanni De Nicastro, 1723).

Diversa sarà l’istallazione riservata alla Chiesa Santa Sofia, entrata nel patrimonio UNESCO, che avrà un totem dedicato caratterizzato dal volto di Arechi II Duca di Benevento e riportante il seguente testo:

Io, Arechi, eccellente principe, percorrendo i casi della vita terrena e desiderando conquistare i tesori della perenne immortalità, dal cielo ispirato, consacrai un tempio al nome della tua Santa Sofia, a che sei la Vera Sapienza di Dio, o Cristo, nelle cui adiacenze, dai tuoi doni prelevandone le risorse, offersi costruendo a mie spese un convento di giovani monache.”

I pannelli sono stati dotati di un QR CODE per consentire l’ascolto di mp3 con la narrazione delle informazioni sui due monumenti.

La Gesesgesesaa Spa ha voluto ringraziare, con la diffusione di una nota scritta, L’Unione Italiana Ciechi Di Benevento per la traduzione in braille delle targhe.

Si ringrazia anche L’Istituto Statale G. Guacci Di Benevento, per la traduzione di tutti i testi riguardante le informazioni storiche dei due monumenti inseriti nel Qr code (mp3), realizzato gratuitamente da “Emozioni In Rete”, nelle quattro lingue europee (francese, tedesco, inglese e spagnolo), nonche’ per la traduzione dei due testi sui pannelli in lingua inglese. A tal proposito Gesesa e l’Istituto Guacci hanno siglato un protocollo d’intesa.

Gratitudine è stata espressa per la docente di lingua inglese e giornalista Maria Ricci, collaboratrice di emozioninrete.com e fondatrice del blog palcoscenico in campania, per il suo contributo nella registrazione degli mp3 in lingua inglese.

Riconoscenza espressa anche per L’associazione Benevento Longobarda per avere fornito i testi di Arechi II per il pannello del complesso di Santa Sofia.

L’istallazione dei due totem si collega al progetto illuminotecnico; a riguardo vengono ringraziati dalla Gesesa Spa gli sponsor tecnici Cariboni Fivep e Svagolux di Pietro Stocchi.

Leggi anche