La via Francigena del Sud: un cammino per ritrovare se stessi



0

La via Francigena del Sud, fu la strada che attraversarono tanti pellegrini di tutto il mondo per raggiungere Gerusalemme. Tra le tappe da percorrere, tre fanno sosta nei comuni di Montesarchio, Benevento e Buonalbergo.

Da Roma a Brindisi, passando per Montesarchio, Benevento e poi Buonalbergo per ritrovare se stessi: questo è il Cammino della Via Francigena del Sud.

Fu meta di pellegrini di tutto il mondo, che volevano raggiungere Gerusalemme; è meta di molti giovani e non, che vogliono “ritrovare se stessi”, riflettere a lungo, vivere emozioni che solo un cammino del genere, con una natura intorno del tutto incontaminata può regalarti.

Il Cammino si divide in due percorsi: Il Cammino della Via Francigena che collega Roma – Canterbury, ed il Cammino della Via Francigena del Sud che collega Roma – Brindisi (dove una volta giunti al porto ci si imbarcava per la Terra Santa).

Sono 28 le tappe da affrontare, 28 giorni di cammino per una media di 26 km al giorno, per un totale di circa 700 km da percorrere.

Per chi parte da Benevento, si troverà già alla “tappa 15” ed attraverserà la Via Traiana. Il cammino fonde bellezza naturalistica e suggestioni storiche. La strada antica si racconta attraverso numerose testimonianze, tra cui il Ponte Valentino e il Ponte dei Ladroni. I chilometri a separare Benevento da Buonalbergo sono 24,2 e la difficoltà è media. Giunti in paese, si può pernottare al “rifugio del pellegrino” o alla “casa del pellegrino”, in entrambi i casi bisogna munirsi di sacco a pelo.

La “tappa 16” collega Buonalbergo a Celle di San Vito per una distanza di 28,8 Km. Bellissimo, impegnativo ed emozionante: questi gli aggettivi che meglio descrivono il tratto che ci porta a valicare l’Appennino, in una tappa resa impegnativa dai continui saliscendi tra le montagne che dividono la Campania dalla Puglia. Sul percorso alcuni manufatti di memoria Traiana rivelano la storicità del cammino.

Il cammino della Via Francigena, può essere affrontato sia a piedi, ma si può fare anche in bicicletta.

“Zaino in spalla e si cammina…”, ma cosa bisogna mettere nello zaino? Nel link troverete tutte le informazioni necessarie su cosa portare per il cammino.

Ma cosa spinge una persona ad affrontare questo cammino? La fede potrebbe essere uno dei motivi per cui si decide di affrontare il cammino della Via Francigena, anche se quest’ultima si sta un po perdendo tra i più giovani; cresce però la voglia di avventura, di uscire dalle distrazioni e dalla routine quotidiana, di tuffarsi in paesaggi mozzafiato, sfidare il proprio corpo fino allo stremo, ma anche e soprattutto perdersi nei propri pensieri, per affrontare senza distrazioni e con più serenità delle scelte importanti per se stessi.

“Chi torna da un viaggio non è mai la stessa persona che è partita”

 

 

 

 

 

 

Leggi anche