Lavoratori della Provincia, stilato il terzo documento



0
rocca commissione

Con un terzo documento, l’Assemblea dei lavoratori ha preso posizione sulla vicenda degli esuberi tra i dipendenti della Provincia e sulla ricollocazione del personale presso altri Enti della Pubblica Amministrazione

 

BENEVENTO – L’Assemblea dei lavoratori della Provincia di Benevento, riunitasi oggi 29 dicembre 2014 alla Rocca dei Rettori, ha compilato il suo terzo documento.

I dipendenti provinciali ancora una volta hanno discusso in merito alla vicenda dei tagli del 50% della dotazione organica delle Province e della loro presunta ricollocazione presso altri Enti della Pubblica Amministrazione, nonché della forte riduzione di trasferimenti di risorse per lo svolgimento e mantenimento dei servizi d’Istituto.

Come si evince dal documento, l’Assemblea ha riaffermato i seguenti punti:

  • la prosecuzione dello stato di agitazione permanente e di mobilitazione dei dipendenti dell’Ente;
  • la richiesta di un Tavolo per avviare un costruttivo confronto con l’Amministrazione Ricci per definire le eventuali iniziative comuni da porre in essere in questo frangente a tutela dei lavoratori;
  • garanzie certe sulla corresponsione degli stipendi ai lavoratori dell’Ente;
  • una urgente ricognizione tra il personale dipendente con maggiore anzianità anagrafica e contributiva al fine di individuare coloro cui poter eventualmente applicare, ai fini pensionistici, le norme pre-Fornero;
  • la cancellazione del comma 428 dell’art. 1 della legge di Stabilità 2015 al fine di dare sicurezza sulla ricollocazione dei tutti i dipendenti.

I lavoratori, rivolgendosi alle Segreterie nazionali sindacali, hanno poi avanzato la proposta di una giornata di forte e massiccia mobilitazione nazionale a Roma, che coinvolga tutti i lavoratori pubblici, in occasione dell’incontro, già programmato per il 13 gennaio 2015, tra il Ministro della Pubblica Amministrazione e Sindacato.

L’Assemblea ha infine deciso di riconvocare una nuova Assemblea del personale una volta acquisite le risultanze dell’incontro del 13 gennaio.

Leggi anche