L’obolo di Telesia strega papa Francesco

0
obolo

L’obolo dell’antica Telesia donato al pontefice dal sindaco di Telese, durante l’udienza di mercoledì

 

L’obolo dell’antica città termale di Telesia, riprodotto in argento, è stato donato dal sindaco di Telese al pontefice. A rivelarlo è stato proprio il sindaco di Telese, Pasquale Carofano, il quale mercoledì, in occasione dell’udienza papale in sala Nervi, ha avuto l’onore di donare la preziosa riproduzione al pontefice. Il primo cittadino non nasconde un pizzico di orgoglio e di emozione nel ricordare i momenti vissuti mercoledì in Vaticano: infatti, durante il rituale saluto al pontefice ha colto l’occasione per offrirgli l’antica riproduzione, ed ha, inoltre, rappresentato al Santo Padre l’affettuoso saluto della città, la cui comunità si avvia a concludere i festeggiamenti per gli ottant’anni di autonomia comunale.

Una grande soddisfazione per la comunità di Telese, soprattutto perchè papa Francesco, anche in questa circostanza, ha mostrato il suo volto umano e giocoso. Il Santo Padre si è a lungo soffermato ad ammirare l’obolo, trattenendo,  più del tempo consentito il sindaco Carofano, con curiose domande relative alla storia dell’antica Telesia.

obolo

Non ci resta che constatare che il proverbiale fascino del Sannio, questa volta, è riuscito a stregare persino papa Francesco. Complimenti Telesia!