“I Monumenti della Musica”: il concerto dell’Accademia di Santa Sofia incanta la Basilica di San Bartolomeo

0
Accademia

Basilica di San Bartolomeo Apostolo. Questa sera si è tenuto il concerto “I Monumenti della Musica” nell’ambito della Stagione Concertistica Triennale 2016-2018 dell’Accademia di Santa Sofia. Il concerto è stato dedicato all’Università degli Studi Giustino Fortunato. 

Un autentico successo quello ottenuto questa sera dall’Accademia di Santa Sofia per il concerto “I monumenti della Musica” in una stracolma Basilica di San Bartolomeo Apostolo.

Accademia

Come da programma, il concerto, dedicato all’Università degli Studi Giustino Fortunato, ha celebrato tre colossi della musica: Johann Sebastian Bach, Georg Philipp Telemann e Jakob Ludwig Felix Mendelssohn Bartholdy.  Un viaggio musicale tra 700′ e 800′ che ha letteralmente incantato il numeroso pubblico presente. Sotto la direzione artistica di  Filippo Zigante, l’evento si colloca nell’ambito della Stagione Concertistica Triennale 2016-2018.

Accademia

Il programma della serata è stato il seguente:  Fuga in re minore (da “L’Arte della Fuga”), Terzo concerto brandeburghese BWV 1048 in sol maggiore di J. S. Bach, Concerto per viola e archi in sol maggiore di G.Ph Telemann; Fuga in re minore, Sinfonia n° 2 in re maggiore di F. Mendelssohn.

Accademia

Al termine del concerto, il pubblico presente visibilmente provato dalla magia della musica ha omaggiato con un lungo applauso ed una standing ovation i violinisti Marco Serino, Emanuele Procaccini, Luigi Abate, Alina Taslavan, Cristina Cavaiuolo, Alessandro Zerella; i violisti Francesco Solombrino e Francesca Binetti, i violoncellisti Gianluca Giganti e Matteo Parisi, il bassista Gianluigi Pennino e la cembalista Debora Capitanio.

La considerevole presenza di pubblico conferma la validità e lo spessore culturale dell’iniziativa e ripaga l’Accademia di Santa Sofia per l’impegno, la dedizione, la passione e la costanza. Il prossimo concerto “Le Quattro Stagioni”, si svolgerà nell’Ottobre 2017 e sarà un elogio all’opera di Antonio Vivaldi.