Sunia interroga Ricci su alloggi Erp



0
sunia

Il Sunia interroga Ricci su alloggi Erp: “Troppo lunghi i tempi di formulazione del bando”

I segretari provinciali del Sunia, Giuseppe Falzarano, e dell’Ania, Giovanni Zarro, hanno inviato una nota al sindaco di San Giorgio del Sannio, Claudio Ricci, in merito alla pubblicazione del Bando per l’assegnazione di alloggi di Edilizia Residenziale Pubblica (Erp), facendo  notare come ancora non sia terminata la fase istruttoria per la formulazione del bando per l’assegnazione degli alloggi Erp

“Dopo oltre un decennio dall’ultimo bando di assegnazione alloggi dei ERP, finalmente oltre un anno fa avvenne la pubblicazione del bando Assegnazione alloggi di ERP del Comune di S. Giorgio del Sannio, avvenuto in data 04/06/2014 prot. 9510 anche a seguito delle tante nostre sollecitazioni”, ha sottolineato il Sunia, il sindacato unitario inquilini assegnatari, in merito alla questione assegnazione alloggi Erp. “Lo scorso 14 agosto dopo nostre ulteriori sollecitazioni – precisa il Sunia– ci è finalmente pervenuta una  nuova informativa sul  bando, inviataci dal Comune di San Giorgio, con la quale ci si metteva al corrente che la famosa Commissione Tecnica, nominata tutta tra personale interno del comune, forse perché oberata da eccessivo lavoro o per il “cospicuo numero delle istanze pervenute …che risultano essere ben 70….”, non ha ancora ultimato i lavori di istruttoria, ad appena dodici mesi dalla data della sua costituzione avvenuta il 4 settembre 2014, eppure i tempi previsti per legge per l’espletamento dell’istruttoria da parte del comune sono ampiamente trascorsi e non pochi sono i cittadini che hanno fatto domanda e che ci chiedono notizie”.  

Il Sunia si è rivolto in merito alla questione anche al Prefetto e alla Regione che hanno cercato di rispondere a tali istanze. Ma, l’interlocutore  principale della faccenda è il sindaco Ricci, al quale è stato chiesto “a non frapporre ulteriori indugi a quanto di sua competenza e a trasmettere subito alla competente Commissione Provinciale le domande, debitamente istruite perché si proceda rapidamente alla formulazione della graduatoria che dovrà portare all’assegnazione degli alloggi disponibili nel suo comune”, pur essendo a conoscenza che  al comune compete solo l’istruttoria e non la formulazione di alcuna graduatoria provvisoria come erroneamente riportato nella stessa nota, leggasi il bando”.

Leggi anche