Vitiello: “La vicinanza dei miei compagni è stata fondamentale”



0
Vitiello: "La vicinanza dei miei compagni è stata fondamentale"

Il centrocampista giallorosso Leandro Vitiello in sala stampa: “Questa squadra esprime un buon calcio e speriamo di fare bene sino al termine del campionato”

Settimana di lavoro anomala per il Benevento che in vista dell’impegno di campionato di lunedì contro il Melfi, ha spostato a questo pomeriggio la classica conferenza stampa infrasettimanale. Oltre a mister Auteri, nella sala stampa di Paduli è intervenuto anche Leandro Vitiello. Il centrocampista nativo di Scafati dallo scorso martedì pomeriggio si è unito finalmente al gruppo dopo il lungo periodo di stop in seguito all’intervento al tendine d’Achille. “Mi mancava il campo, respirare l’aria dello spogliatoio fa sempre bene. Ora sto decisamente meglio e la ripresa deve essere graduale. Devo prendere confidenza con il pallone e incrementare di settimana in settimana il lavoro. Mi ha fatto piacere la vicinanza dei miei compagni e se ancora non posso dare una mano dentro il campo, cercherò di darla sempre da fuori. Spero però di tornare al più presto a tutti gli effetti a disposizione”.

Vitiello: "La vicinanza dei miei compagni è stata fondamentale"
Vitiello: “La vicinanza dei miei compagni è stata fondamentale”

Ha poi raccontato nel dettaglio i mesi difficili. “Dopo l’operazione sono stato quaranta giorni a Napoli, poi subito dopo sono andato a Roma dove ho lavorato intensamente per rimettermi a posto. Ho seguito quasi tutte le partite, all’inizio sono venuto anche allo stadio con il gesso. Sono stato sempre in contatto con  i miei compagni che hanno espresso sempre un buon calcio, si vede la mentalità dell’allenatore e speriamo di fare bene sino a fine campionato”.

Rescissione del contratto. “Sono stato tra i primi a rescindere non per mia volontà, ma perché sono stato tra i primi a ricevere la chiamata. Poi sono stato richiamato e ciò mi ha fatto intensamente piacere. L’anno scorso ho fatto anche delle visite a Roma e mi dissero che potevo giocare, poi ho preso varie botte in quel punto e ho deciso di operarmi”.

Rendimento della squadra. “Ora tocca vedere chi nel rush finale riesce a mantenere una certa concentrazione e speriamo che anche il punto che ci hanno tolto ci venga restituito. Siamo una squadra solida e dura da affrontare, un campionato completamente diverso da quello dell’anno scorso, dove per il primato lottavano sole due squadre”.

Principali differenze tra Brini e Auteri. “Con mister Auteri esprimiamo un gioco completamente diverso, il mister imposta l’allenamento soprattutto sull’intensità. Personalmente tra i due non ho preferenze anche perché lo scorso anno a centrocampo si giocava sempre in due”.

Gaetano Auteri
Gaetano Auteri

Ha poi elogiato i suoi compagni di reparto Andrea De Falco e Lorenzo Del Pinto, autori sinora di una grande stagione. “Andrea, dopo la stagione travagliata dell’anno scorso, si sta rilanciando alla grande. Sono molto contento anche per Lorenzo. Insieme stanno facendo bene”.

Precedentemente alla conferenza di Leandro Vitiello, si è tenuta quella di mister Gaetano Auteri. Il tecnico siciliano vorrebbe che già fosse lunedì per poter affrontare il Melfi. “In questi giorni abbiamo lavorato tanto perché anche le prossime settimane saranno davvero impegnative e siamo pronti per affrontare il Melfi. Abbiamo una nostra identità e non intendiamo farci sottrarre punti da nessuno, come dico sempre ci teniamo a migliorare la nostra classifica”.

Abbondanza in attacco. “È una buona cosa e dobbiamo sfruttare ogni nostra risorsa, mi fido di tutti e in questo periodo stanno crescendo diversi giocatori che nella prima parte non ci sono stati di aiuto per via di varie problematiche”.

Giocare di lunedì. “Questo spezzatino c’è, ma dobbiamo pensare esclusivamente al nostro avversario e alla gara che dovremo fare. Sono partite che possono influenzare notevolmente il nostro prossimo mese e dobbiamo continuare a pigiare sull’acceleratore pur con la massima prudenza”.

Tre anni dalla scomparsa di Carmelo Imbriani. “Sono episodi che purtroppo appartengono al mondo del calcio, era una persona corretta e di una grande sportività”.

Condizioni di Vitiello e abbondanza in attacco. “Deciderò sempre all’ultimo momento le scelte, non vi nego che ho qualche dubbio. Vitiello è un poco indietro di condizione e mi auguro che ci possa dare una mano anche lui, ritorna in un periodo agonistico importante e occorre un po’ di tempo per riaverlo a tutti gli effetti a disposizione”.

 

Leggi anche